Terminillo, la Montagna di Roma

Monte Terminillo


Con i suoi 2217 metri di altezza, il Terminillo è la vetta più alta dei Monti Reatini. In epoca romana, il suo ghiaccio veniva usato come frigorifero per la conservazione dei cibi. Nell’immediato Dopoguerra diventa la località delle vacanze invernali per la nobiltà della capitale e si trasforma presto nella stazione sciistica in cui tutti i Romani si riversano durante i weekend. Fino ai giorni nostri, tempi in cui il Terminillo sembra essere dimenticato, ma pronto a rinascere!

Cosa fare al Terminillo Trekking Ciaspole Escursioni Sci Snowboard Alpinismo

Fortuna, decadenza e futuro del Terminillo, uno dei luoghi simbolo della Sabina e del Lazio


La chiamano “La Montagna di Roma” e mai nome fu più giusto per quello che è un pezzo della storia delle famiglie romane che ogni anno lasciano lungo i suoi sentieri e sulle sue piste piccoli frammenti di storie e vacanze. Più che una montagna, per i romani, il Terminillo è un pezzo di vita e di cuore che di generazione in generazione coccola e abbraccia la storia di un intero territorio.

Oggi il Terminillo è molto lontano dai gloriosi fasti che, nell’immediato Dopoguerra, l’hanno reso il punto di riferimento degli sciatori del Centro Italia e di escursionisti e alpinisti curiosi di scoprirne ogni angolo nascosto e di raggiungerne ogni vetta.

Le stagioni invernali al Terminillo negli ultimi anni faticano a decollare, complice l’esposizione del massiccio, spesso soggetto ai caldi venti di scirocco che sciolgono rapidamente la neve che cade, se cade! Infatti, anche i mutamenti climatici hanno generato una riduzione importante dell’innevamento, accorciando la stagione sciistica a poche settimane e mettendo in seria crisi la sopravvivenza della stazione invernale di Pian de’ Valli.

>> Verifica qui le aperture 2020 degli impianti sciistici del Monte Terminillo.

>> Scopri di più sulla stazione sciistica: piste e impianti di risalita del Monte Terminillo.

La situazione descritta da molti è quella di abbandono, con costruzioni fatiscenti e diroccate, impianti di risalita rimasti fermi agli anni Sessanta, tralicci delle vecchie seggiovie che troneggiano in mezzo alla montagna e quella monoposto che risaliva fino al Rifugio Rinaldi ormi abbandonata.

Non possiamo certo affermare il contrario, significherebbe negare l’evidenza, ma questo scenario ai limiti del post apocalittico per chi ama la montagna a prescindere può avere un senso.

Il Terminillo si presta tutto l’anno a escursioni e trekking e per chi pratica alpinismo ha delle vie niente male, oltre alla possibilità in inverno di ciaspolare! Ora, fare trekking e passeggiare in questi scenari montani, non troppo affollati e silenziosi, permette davvero di apprezzare la quiete e la pace della montagna. Insomma, dipende sempre dai punti di vista e da quello che si cerca. Per camminare, ogni posto è buono in fin dei conti! Se quello che desideri è la vita mondana della montagna con negozi di tendenza e posticini instagrammabili per un aper ski, allora il Terminillo non fa per te!

Terminillo: le origini

trekking nel lazio vetta del terminillo
Sulla vetta del Monte Terminillo – Trekking nel Lazio
Il Terminillo, nell’antica toponomastica, era conosciuto con i nomi Gurgures Mons o Mons Tetricus (forse per via delle tre cime identificabili dalla conca reatina e dalle pianure laziali). Fa parte della catena dei Monti Reatini nell’Appennino Centrale e con i suoi 2217 metri di altezza, il Terminillo è a tutti gli effetti una montagna forte, perfetta per sciare o per immergersi in una natura selvaggia.

Delle spaventose “rupi di Tetrico” ne parlò già Virgilio nell’Eneide ma anche Marco Terenzio Varrone, che cantò gli “alti monti Gurguri” e sin dai tempi più antichi le popolazioni avevano familiarità con questa montagna tanto aspra quanto materna.

In età romana, il massiccio del Terminillo era luogo di pascolo, di caccia, di raccolta della legna ma anche di ghiaccio, messo poi in commercio nel vicino municipio di Reate, città di origine sabina che sorgeva sulle sponde del lacus Velinus, così che nelle abitazioni potessero usarlo come antenato del frigorifero e conservare i cibi.

Terminillo: dalla sua età dell’oro alla decadenza fino alla sua possibile rinascita

Ripercorriamo ora la storia del Terminillo, dagli antichi fasti dell’immediato Dopoguerra, quella che potremmo definire la sua età dell’oro, alla decadenza attuale fino alla sua possibile rinascita. Ci piacerebbe non parlare affatto di “decadenza”, visto che siamo piacevolmente innamorati di questa montagna e speriamo di vederla rifiorire presto sotto qualsiasi veste, non necessariamente invernale. Ma se la definissimo in altro modo, saremmo probabilmente tacciati di non essere obiettivi.

Nel secolo scorso, il complesso dei Monti Reatini ha vissuto la stessa sorte della maggior parte delle montagne italiane, identificate per lo più come stazioni invernali e quindi da dedicare allo sci alpino.

Questo ha portato alla costruzione di alberghi e residence che potessero ospitare grandi quantità di persone arrivate in massa dalle città e pronte a godersi il boom economico.

Il Terminillo non è stato da meno e qui si è assistito al medesimo processo che ha visto Pian de’ Valli, insieme a campo Stella sul versante leonessano, trasformarsi in una rinomata stazione sciistica. Questa visione prende le mosse dalla necessità di modernizzare l’Italia del primo Dopoguerra e vede il regime fascista come attore principale in questa opera di modernizzazione e di trasformazione di una montagna in un allettante luogo di villeggiatura invernale.

L’inaugurazione di una nuova moderna funivia
Giornale Luce del 26/01/1938

La Montagna di Roma additata dal Duce all’amore di tutti gli italiani è ora servita da una modernissima funivia che in 3 minuti e 20 secondi congiunge Pian de’ Valli al Terminilluccio a quota 2108 metri per la gioia degli sciatori provetti che non si accontentano di brevi percorsi e desiderano discese immense.

Un carrello sale mentre l’altro scende ogni 5 minuti sorvolando bellissimi pendii nevosi. La funivia facilita l’accesso al Rifugio Umberto I che specialmente nel periodo primaverile costituirà una eccellente zona sciistica che può protrarre la stagione sciatoria anche a tutto aprile.

La funivia invita anche chi non è sciatore. Dalla terrazza della stazione superiore si gode infatti uno dei più vasti panorami dell’Italia centrale che merita l’ascensione.

Grazie alla costruzione delle prime strade montane, in particolare quella di collegamento tra Rieti e Campoforogna, fortemente voluta da Mussolini e i cui lavori iniziarono nel 1934, il turismo, in questa zona da elitario è iniziato a diventare di massa e, tra i magici anni Sessanta e gli sfavillanti anni Ottanta, il Terminillo è addirittura diventato uno dei riferimenti montani di tutto il Centro Italia.

Una gita sul Terminillo
Giornale Luce del 25/03/1956

La Montagna di Roma, che valorizzata dalla comoda e bellissima strada che vi giunge, è diventata nel breve volgere di due stagioni invernali la meta preferita degli sciatori dell’Urbe per i suoi vasti campi di neve che rispondono a tutte le esigenze.

Fu un semplice equivoco pensare che il Terminillo potesse diventare un riferimento per lo sci invernale a livello nazionale e questo fu subito chiaro non appena la costruzione della rete autostradale rese semplice e rapido raggiungere Campo Felice, Ovindoli, Roccaraso e le località alpine in generale.

Presto Terminillo cominciò a subire un progressivo abbandono, a causa della folla di persone che si riversava sulla neve durante il fine settimana intasando le poche piste del comprensorio e rendendo complicato sciare e poco rilassante la vita di quei nobili romani che avevano investito nell’acquisto di ville su questa montagna.

Il cemento armato ha schiacciato il Terminillo, rendendolo un avamposto della città trasportata in montagna e facendo sì che parte del fascino dell’ambiente incontaminato di questi luoghi, quell’aria di esclusività degli albori, venisse meno.

I campionati nazionali femminili di sci
Giornale Luce del 15/03/1940

I campionati nazionali femminili di sci, organizzati dalla società sportiva Parioli.
Le concorrenti risparmiano le forze per l’imminente competizione, raggiungendo i campi di gara a mezzo della sciovia.

Alla partenza si dà un ultimo tocco alla tenuta, poi hanno inizio le gare.
Sia su questo difficile percorso di discesa obbligata sia su quello di discesa libera si è affermata campione nazionale la signorina Nives De Rossi, della società Parioli.

Terminillo: il Club Alpino Italiano e la costruzione dei rifugi

rifugio cai massimo rinaldi monte terminillo
Rifugio Massimo Rinaldi sul Terminillo – Rifugio CAI
Seppur con meno enfasi, il Terminillo si popola anche di chi non vive la montagna sugli sci e solo in inverno, ma anche di chi muove i suoi passi in tutte le stagioni con indosso scarponi da trekking e in caso di neve di piccozze, ramponi e corde.

La fondazione del Club Alpino Italiano e l’apertura di diverse sedi sul territorio nazionale contribuì anche al Terminillo alla crescita di interesse verso le escursioni.

Nel 1901 venne costruito il primo rifugio sul massiccio dei Monti Reatini, l’Umberto I, una piccola struttura che segnò un passo importante per la storia escursionistica di questa zona. Oggi quello stesso rifugio dal tetto rosso ha un altro nome: si chiama rifugio Massimo Rinaldi, e dopo di lui fu costruito l’altro rifugio della zona: il Sebastiani.

Mentre il Rinaldi è raggiungibile solo a piedi, al Rifugio Angelo Sebastiani si arriva comodamente in macchina ed è il punto di partenza di molte vie che portano non solo alla cima del Terminillo, ma anche alla Cresta Sassetelli ad esempio.

Ancora oggi, sia in estate che in inverno sono tanti i camminatori che vi si recano per rigenerarsi e ritemprarsi e lo scenario che si apre alla vista non ha nulla da invidiare alle montagne italiane più blasonate.

I sentieri regalano emozioni a perdita d’occhio su Rieti, sulla Sabina, sui Monti Sibillini, sul Gran Sasso e i rifugi Angelo Sebastiani, a 1820 mt, e Massimo Rinaldi, a 2108 mt, coccolano il viandante che qui troverà pace, gioia e tutta la meraviglia di un territorio che sa essere generoso e magnanimo.

A posteriori si potrebbe dire che è stato un errore concentrare tutte le attenzioni sullo sviluppo del Terminillo solo come stazione sciistica invernale, a sfavore delle attività montane più tradizionali e soprattutto praticabili durante tutto l’anno, come l’escursionismo. L’istituzione di un parco naturale che proteggesse il gruppo montuoso e che, invece, è stato categoricamente negato, avrebbe sicuramente dato una spinta notevole a un turismo ecosostenibile e volto anche a questo genere di attività.

L’augurio è quello di veder rifiorire questa montagna il prima possibile e che in un modo o in un altro si possa portare nuova linfa alle attività locali. Che sia grazie al progetto ancora in fase di approvazione “Terminillo Stazione Montana” (TSM) o grazie ad altre idee, l’importante è fare presto e nel rispetto dell’ambiente.

Per quanto ci riguarda, noi continueremo a frequentare il Terminillo a prescindere, a percorrere i suoi sentieri, ad addentrarci nelle sue faggete, a prendere un caffè in cima al Terminilluccio sotto il tetto rosso del Rinaldi e a scendere per le sue piste innevate!

Lo sapevi che…?

Fotografare la Via Lattea al Terminillo
Fotografare la Via Lattea al Terminillo
  • Per arrivare alla stazione sciistica di Terminillo ti conviene impostare il navigatore con destinazione il paese di Pian De’ Valli.
  • La Scuola Sci Terminillo è conosciuta come la più grande scuola di sci del Lazio e dell’Appennino centrale, con un storia che risale al 1960.
  • In inverno, la strada che da Pian De’ Valli conduce al Rifugio Angelo Sebastiani e da qui a Leonessa è interrotta causa neve proprio all’altezza del rifugio. Tienilo in considerazione se pensi di voler raggiungere Leonessa passando per il Terminillo.
  • Il Sentiero Italia, il percorso escursionistico lungo 6880 km che attraverso l’intera penisola italiana da nord a sud e viceversa, toccando anche la Sardegna, passa per il Monte Terminillo. Il sentiero 404 Terrazza sulla Vallonina prevede una tappa anche al Rifugio Angelo Sebastiani.
  • Sul Terminillo, nella stazione sciistica di Campo Stella nel comune di Leonessa, potrete sciare sulla pista più lunga del Centro Italia: 5 km con un dislivello di 600 metri.
  • Il Terminillo interessa con la sua superficie ben quattro comuni: Rieti, Leonessa, Micigliano e Cantalice. Questo non favorisce spesso la gestione del territorio e anche prendere decisioni a volte non è così semplice.
  • Non solo la cima del Terminillo supera di gran lunga i 2000 metri, ma seguono le sue “orme” anche il Terminilletto (2104 metri), la Cresta Sassetelli (2139 metri), il Monte Elefante (2015 metri) e il Monte di Cambio (2081 metri).
  • Per gli appassionati di fotografia, i Terminillo – grazie al suo ridotto inquinamento luminoso – è uno dei pochi luoghi nel Centro Italia ideali per fotografare la Via Lattea.

Comune di Rieti

Regione: Lazio
Provincia: Rieti
Comune: Rieti
Abitanti: Reatini
Residenti: 47.552
Indirizzo Comune: Piazza Vittorio Emanuele II, 1
CAP: 02100
Latitudine: 42.4026004
Longitudine: 12.860227200000054

Contatti Comune di Rieti

Telefono: 07462871
Email: Scrivi al Comune
Sito Web: Visita il sito del Comune

Santo Patrono di Rieti

Santo Patrono: Santa Barbara
Ricorrenza: 04 dicembre
borghi storici del lazio in sabina Cerchi posti meravigliosi da visitare nel Lazio? Vieni a scoprire i migliori borghi storici del Lazio e della Sabina.

Dove si trova il Monte Terminillo


Mappa e cartina dettagliata del Monte Terminillo

Cosa vedere qui


Abbiamo selezionato per te i principali luoghi d'interesse, le migliori cose da vedere, le attività e le attrazioni da non perdere!

Rifugio Massimo Rinaldi (Terminillo) - cosa vedere in sabina

Rifugio Massimo Rinaldi (Terminillo)

Storico/Naturalistico

Tetto e finestre rosse per il primo rifugio costruito sul Monte Terminillo. Collocato a 2108 metri di altitudine, è raggiungibile solo a piedi percorrendo il sentiero 401 e da lì alla vetta del Terminillo è un attimo (si fa per dire!).

Leggi il nostro approfondimento

Cosa vedere nelle vicinanze


Se ti resta del tempo libero, non devi assolutamente perdere la nostra selezione di attrazioni nelle vicinanze!

Rieti - cosa vedere in sabina

Rieti

Comune della Sabina

L’umbilicus Italiae, ovvero il centro geografico d’Italia, Rieti è stata fin dall’antichità una città importante, crocevia tra i monti Sabini e quelli Reatini. Ricca di testimonianze risalenti anche all’epoca romana come medievale, Rieti è un vero e proprio gioiello del turismo in Sabina.

Leggi il nostro approfondimento
Greccio - cosa vedere in sabina

Greccio

Comune della Sabina
Piazzale San Francesco, 1 - Greccio (Rieti)

Insignito del titolo “borghi più belli d’Italia”, Greccio, in provincia di Rieti, è un luogo così particolare che perfino San Francesco ne venne colpito. È qui, infatti, che il Santo diede vita al primo presepe e dove si trova uno dei quattro Santuari della Valle Santa.

Leggi il nostro approfondimento
Sentieri di Greccio - cosa vedere in sabina

Sentieri di Greccio

Percorso naturalistico
Greccio

Cinque itinerari naturalistici e spirituali sulle orme di San Francesco. Per gli amanti del trekking che vogliono aggiungere alla visita al Santuario di Greccio una o più escursioni, con diversi livelli di difficoltà.

Leggi il nostro approfondimento
Cittaducale - cosa vedere in sabina

Cittaducale

Comune della Sabina

Fondata dagli Angioni nel 1308, è passata dalla provincia de L’Aquila alla provincia di Rieti solo nel 1927. Girovagando per le vie di Cittaducale ti renderai subito conto di quanta storia ci sia in questo piccolo borgo reatino. Scorgerai chiese, portali, torri e palazzi storici ogni volta in cui volgerai lo sguardo in una nuova direzione.

Leggi il nostro approfondimento

Appunti di viaggio


Curiosità, personaggi famosi, esperienze e tutto quello che c'è da sapere per visitare al meglio la Sabina

Sommelier dell’olio: una nuova professione sempre più richiesta

  • Il Turista
  • 02.05.2020

Come si diventa sommelier dell’olio? Lo abbiamo chiesto a Ludovica!

Leggi Tutto

Il turismo ai tempi del Covid-19: idee per le vacanze estive in Sabina

  • Il Turista
  • 21.04.2020

Riflessioni ed idee sul turismo e sulle vacanze estive al tempo del covid-19

Leggi Tutto

Plumcake all’olio extra vergine d’oliva della Sabina

  • Il Turista
  • 05.04.2020

Sostituire il burro con l'olio extravergine d'oliva nei dolci si può. Scopri la ricetta!

Leggi Tutto

Covid-19: la spesa a casa tua in Sabina e a Roma

  • Il Turista
  • 30.03.2020

Scopri le aziende agricole locali che effettuano consegne a domicilio

Leggi Tutto

Eventi in Sabina


Una selezione di eventi che si svolgeranno in Sabina nei prossimi giorni

La nostra newsletter


Il prossimo weekend niente shopping, niente compleanni dei bambini e il campionato riposa? Finalmente hai un fine settimana libero per programmare una gita fuori porta? Tante idee per escursioni immersi nella natura, luoghi da visitare ed eventi a cui partecipare le trovi sulla newsletter di Scopri la Sabina. Iscriviti subito!