Panorami sconfinati dalle vette del Monte Tancia e del Monte Pizzuto

Monti Sabini


Dopo aver raggiunto le loro vette, sicuramente non ricorderai i Monti Sabini per le grandi pareti di roccia, le cime dalle forme ardite e i grandi dislivelli, ma siamo sicuri che li adorerai per le dorsali panoramiche, le forre profonde, le vaste faggete e la varietà di paesaggi.

monti sabini neve monte pizzuto trekking escursioniAppassionarci al trekking ci ha permesso di scoprire angoli della Sabina che non conoscevamo ancora, piccoli paradisi naturali raggiungibili solo a piedi. È così che, un passo dopo l’altro, affondando prima gli scarponi in mezzo all’immensa distesa di foglie della faggeta di Poggio Perugino, calpestando poi la neve che si era conservata dalla nevicata delle settimane precedenti, battendo l’erba dei prati e alla fine inerpicandoci sul terreno roccioso che porta alla cima, abbiamo scoperto il primo dei “nostri” Monti Sabini: il Pizzuto.

Il primo da noi raggiunto, ma il secondo dei Monti Sabini in ordine di altezza. Con i suoi 1292 metri il Monte Tancia è, infatti, il più alto della catena; seguito dal Pizzuto che misura invece 1288 metri.

Arrivare lassù significa godere, nelle giornate particolarmente limpide, di panorami sconfinati sulla Valle del Tevere e sul Monte Soratte e fino al Mar Tirreno. Oppure, guardando sul versante opposto, si scorgono la Valle reatina, il Terminillo e le principali vette dell’Abruzzo.

monti sabini creste monte terminillo rieti trekking escursioni

Alla scoperta dei Monti Sabini

Se sei alla ricerca di escursioni vicino Roma che siano piacevoli e ricche di angoli suggestivi e vasti panorami, i Monti Sabini ti piaceranno di sicuro!

Il trekking sui Monti Sabini non è troppo impegnativo, ma comunque da non sottovalutare. Sicuramente meno aspri dei Monti Reatini, una delle caratteristiche di questa piccola catena montuosa è che si alza improvvisa, passando dai 400/500 metri di quota, per salire ripida oltre i 1.000 metri fino alle lunghe creste e ai pianori delle cime. Questo dislivello improvviso si ritrova nell’affrontare il trekking. Ecco, quindi, che dai Piani di Poggio Perugino, un’enorme distesa erbosa, ti ritroverai davanti il ripido attacco che porta alla cima del Pizzuto.

Per questo è necessario avere un’attrezzatura adeguata per il trekking e una discreta preparazione fisica, che ti permetta di coprire agevolmente soprattutto l’ultimo tratto che porta in vetta senza distruggerti le gambe! Ti consigliamo di portare una giacca antivento, anche in piena estate. Non c’è stata volta che arrivati a toccare la croce sulla cima non tirassero raffiche di vento nemmeno troppo piacevoli.

Hai già letto il nostro articolo di approfondimento sull’attrezzatura necessaria per un trekking nel Lazio?

Che cosa sono i Monti Sabini?

Partiamo alla scoperta dei Monti Sabini: dopo aver raggiunto le loro vette, sicuramente non li ricorderai per le grandi pareti di roccia, le cime dalle forme ardite e i grandi dislivelli, ma siamo sicuri che li adorerai per le dorsali panoramiche, le forre profonde, le vaste faggete e la varietà di paesaggi.

Questa piccola catena montuosa appartenente al subappennino Laziale è compresa tra la Valle del Tevere a Ovest, la Conca Reatina a Est, la S.S. Salaria a Sud e a Est, che la separa dai Monti Lucretili, e la Valle del Nera a Nord.

Si tratta di una catena montuosa dalla natura calcarea, le cui rocce hanno consentito l’erosione di forre profondissime, in alcuni casi dei veri e propri canyon. Due esempi su tutti:

  • Il fosso Ravi, lungo circa 5 chilometri, inizia presso Fonte Cerro, tra Contigliano e Cottanello, e scende verso nord, aprendosi verso la Conca Reatina: un classico del torrentismo in Sabina.
  • Il Revotano (u’Revotano): la dolina carsica verde-smeraldo di 250 metri di diametro e 130 metri di profondità.

Come visitare il Revotano di Roccantica

Il Revotano si trova nel comune di Roccantica ed è stato la meta di uno dei nostri trekking in Sabina vicino Roma. Un luogo magico che merita assolutamente di essere visitato, ma che non è facile da trovare. Non esiste un vero e proprio percorso tracciato, che va un po’ inventato, e la pendenza – unita al fondo terroso – rende complicata in alcuni tratti la discesa.

Quando si arriva in fondo alla dolina, il paesaggio che ti troverai davanti sembra quello di un film fantasy: una rigogliosa vegetazione fatta di felci, lunghissime “barbe” di muschi e liane di edera ricopre tutto. I tronchi degli alberi sono morbidi e lussureggianti, le pietre verdi e scivolose…

Se vuoi andare alla scoperta del Revotano, ti consigliamo di seguire il nostro tracciato GPX e la preview del percorso realizzato con Relive. Oppure sbircia nella sezione Eventi in Sabina del nostro sito per vedere se ci sono trekking organizzati.

Dati tecnici del trekking al Revotano:
Lunghezza: 9,84km
Ascesa totale: 468m
Perdita altimetrica: 468m
Altitudine massima: 628m
Altitudine minima: 395m
Tipo di percorso: ad anello

monti sabini vetta monte pizzuto valle del tevere monte soratte

Le cime dei Monti Sabini

I Monti Sabini sono caratterizzati da un andamento ondulato, dolce e con cime che non superano i 1.300 metri di quota:

  • Monte Tancia (1292 m, nel comune di Monte San Giovanni in Sabina)
  • Monte Pizzuto (1288 m, nel comune di Roccantica)
  • Monte Macchia Gelata (1260 m, nei comuni di Casperia, Roccantica e Rieti)
  • Monte Porco Morto (1257 m, nei comuni di Montasola e Contigliano)
  • Monte Alto (1245 m, nei comuni di Casperia e Rieti)
  • Monte Lupara (1231 m, nei comuni di Greccio, Cottanello e Stroncone)

Si tratta di cime per lo più formate da lunghe creste, spesso boscate, dove non sempre è facile distinguere la vetta.

Trekking al Monte Pizzuto

Ti piacerebbe scoprire in escursione il Monte Pizzuto? Mettiamo a tua disposizione il nostro tracciato GPX e una preview del tracciato realizzato con Relive. Il percorso inizia dall’Osteria del Tancia, oggi ribattezzato Tancia Hostel House, un punto nevralgico nella storia della Sabina.

La Via del Tancia ha rappresentato per secoli il collegamento tra la Sabina Reatina e Roma. Battuta da mercanti e pellegrini, ha visto sorgere nel XV secolo l’Osteria del Tancia, un luogo di sosta posto proprio sul valico. Oggi il Tancia Hostel House resta un punto di sosta per chi fa attività sortiva sui Monti Sabini. Un caffè, un panino, un tè, il caldo del camino acceso in inverno e due chiacchiere con i ragazzi dell’Ostello, magari al ritorno dalla tua escursione.

Dati tecnici del trekking al Monte Pizzuto:
Lunghezza: 16,63km
Ascesa totale: 710m
Perdita altimetrica: 710m
Altitudine massima: 1296m
Altitudine minima: 789m
Tipo di percorso: ad anello

monti sabini monte pizzuto faggeta trekking escursioni

La flora e la fauna dei Monti Sabini

A seconda di versanti, e quindi del clima sui, Monti Sabini è possibile trovare una copertura vegetale molto diversa.

Nei versanti caratterizzati da un clima più mite, ovvero quello esposto a Ovest e quello che guarda verso la Valle del Tevere e il Monte Soratte, troviamo spese termofile, cioè amanti del calore: orniello (anche conosciuto come frassino minore, albero tutore della vite, apprezzato per le qualità del suo legno e ben noto agli artigiani di un tempo per la costruzione dei manici degli utensili agricoli), albero di Giuda, acero campestre e acero minore, roverella, leccio, insieme a vari elementi tipici della macchia mediterranea come il corbezzolo.

Nelle zone intermedie tra un clima freddo e mite troviamo le specie mesofile: il cerro (appartenente alla famiglia delle querce), il carpino nero, il tiglio, l’acero di monte, il castagno e il faggio.

Sui versanti più freddi, quelli Nord e Est, troviamo invece il pino nero.

Il sottobosco è “popolato” da edera, ciclamini, pungitopo, ginepro e rovo amore, oltre che da asparagi e funghi che fanno felici gli appassionati della raccolta.
I valloni sono ricoperti da estese faggete secolari, in cui sembra di entrare in un mondo fatato e di camminare su materassi di morbide foglie.

La fauna che popola questa zona è molto varia. Per quanto riguarda i mammiferi sono presenti l’istrice, la volpe, lo scoiattolo e, soprattutto all’imbrunire, non è strano incontrare i cinghiali. Si parla anche della presenza di lupi.

Per gli uccelli, invece, sono presenti tutto l’anno la ghiandaia, il picchio verde, il più raro picchio rosso e il colombaccio. Tra i rapaci: la poiana, il gufo e la civetta.

Fate attenzione alle vipere perché non è così raro incontrarle sui vostri passi.

Se nelle tue escursioni porti con te il tuo cane, ti consigliamo di tenerlo al guinzaglio. Queste zone sono ancora dedite all’allevamento e i pratoni che incontrerai sul tuo cammino sono utilizzati dagli allevatori locali come pascoli. È probabile che incontrerai mucche, tori e cavalli.

Le altre attività da svolgere sui Monti Sabini

Il trekking e le escursioni sui Monti Sabini non sono le uniche attività che potrai svolgere sulle “nostre” montagne. Potrai percorrere questi sentieri a cavallo o in MTB, da solo o con delle guide esperte della zona. Puoi controllare se ci sono eventi organizzati nella nostra sezione dedicata alle attività in Sabina. Se non ne trovi, contattaci per qualche dritta!

I Monti Sabini sono anche un’ottima meta per gli amanti dell’arrampicata sportiva (climbing). In questa zona della Sabina potrai arrampicare in diverse location:

  • Falesia della Grotta (eremo) di San Michele: 25 vie con gradi dal 6a al 7c+
  • Falesia dell’Eremo di San Leonardo: 14 vie con gradi dal 5b al 7a*
  • Falesia di Roccantica: 29 vie con gradi dal 4a al 7a+
  • Falesia di Poggio Catino: quasi 50 vie con gradi dal 4c al 7a+

Le falesie sono facilmente raggiungibili, soprattutto quelle di Roccantica e Poggio Catino. Le falesie di San Michele e di San Leonardo prevedono rispettivamente una camminata su sentiero di 15 e 30 minuti. Il percorso è ben segnato.

Le vie sono attrezzate, ma a volte un po’ datati gli interventi di sistemazione e messa in sicurezza. In alcuni casi piastrine e chiodi in alcuni punti sono spariti e per questo il nostro consiglio è di cercare informazioni dettagliate sullo stato delle vie sui siti e sui gruppi social di arrampicata sportiva.

monti sabini escursioni trekking mtb ciaspole sabina rieti lazio

Le escursioni sui Monti Sabini

Ti proponiamo 8 escursioni da fare sui Monti Sabini, per maggiori informazioni e sulla mappa dei sentieri continua a leggere questo articolo 😉

Anello dell’Eremo di San Leonardo
Difficoltà: facile
Tempo: 1,15 ore
Lunghezza: 5 km
Dislivello: 200 m

La via degli eremi, da Roccantica al Ponte del Tancia
Difficoltà: facile
Tempo: 1,30 ore
Lunghezza: 5,5 km
Dislivello: 300 m

Da Roccantica a Monte Macchia Gelata
Difficoltà: medio
Tempo: 2 ore
Lunghezza: 4,5 km
Dislivello: 650 m

Da Casperia al Monte Macchia Gelata passando per Fonte Cognolo
Difficoltà: medio/difficile
Tempo: 3 ore
Lunghezza: 8 km
Dislivello: 850 m

Da Roccantica a Monte Pizzuto passando per Fonte Regna
Difficoltà: facile/medio
Tempo: 2 ore
Lunghezza: 4,5 km
Dislivello: 650 m

Anello del Monte Tancia da Poggio Perugino
Difficoltà: facile
Tempo: 3.30 ore
Lunghezza: 11 km
Dislivello: 500 m

Anello del Monte Tancia dalla strada del Tancia
Difficoltà: medio
Tempo: 4 ore
Lunghezza: 10 km
Dislivello: 500 m

Anello del Monte Pizzuto dalla strada del Tancia
Difficoltà: medio
Tempo: 3.30 ore
Lunghezza: 9 km
Dislivello: 650 m


Non vedi l’ora di andare alla scoperta dei Monti Sabini? Fantastico, magari è l’occasione per conoscerci e incontrarci su uno dei tanti sentieri escursionistici presenti in Sabina!

Se sei alla ricerca di una guida escursionistica sui Monti Sabini, ti consigliamo quella realizzata da Edizioni Il Lupo che puoi acquistare su Amazon.

Seguici su Wikiloc!

Da settembre 2018 abbiamo un profilo su Wikiloc (un’app dove scoprire e condividere i migliori percorsi all’aria aperta per ciclismo, escursionismo e molte altre attività) dove trovi tutte le tracce in GPX dei nostri trekking sui Monti Sabini e Reatini.

Quando decidi di fare un trekking…

  • Sii cauto, soprattutto se sei poco esperto del trekking in montagna e se stai affrontando un’escursione senza essere accompagnato da una guida.
  • Non andare mai da solo e indica sempre la tua meta.
  • Fai attenzione alle previsioni meteorologiche: in montagna il tempo cambia facilmente.
  • Evita di effettuare escursioni in caso di pioggia o temporali: con queste condizioni la montagna diventa pericolosa e se ti trovi in pericolo cerca subito riparo nel primo centro abitato.
  • Se non sei sicuro del percorso non vergognarti a tornare sui tuoi passi e a chiedere assistenza se la situazioni si fa complicata e si avvicina la notte o il maltempo.

Comune di Monte San Giovanni in Sabina

Regione: Lazio
Provincia: Rieti
Comune: Monte San Giovanni in Sabina
borghi storici del lazio in sabina Cerchi posti meravigliosi da visitare nel Lazio? Vieni a scoprire i migliori borghi storici del Lazio e della Sabina.

Come raggiungere i Monti Sabini


Mappa e cartina dettagliata dei Monti Sabini

Cosa vedere nelle vicinanze


Se ti resta del tempo libero, non devi assolutamente perdere la nostra selezione di attrazioni nelle vicinanze!

Grotta di San Michele Arcangelo - cosa vedere in sabina

Grotta di San Michele Arcangelo

Religioso

Una leggenda, quella di San Michele e il drago, che si intreccia alla storia di questa Grotta, un tempo ambito santuario locale, oggetto di contesa tra il Vescovo di Sabina Giovanni e l’Abate di Farfa Berardo. La statuetta – forse la Dea Vacuna – trafugata e un breve sentiero nel bosco che porta ai piedi della scalinata nella roccia che conduce a questo antro magico.

Leggi il nostro approfondimento
Roccantica - cosa vedere in sabina

Roccantica

Comune della Sabina

A Roccantica, l’antico borgo posto sui pendii ripidi della montagna, e circondato da magnifici e rilassanti boschi, scoprirai il piacere del silenzio interrotto solo dai suoni della natura. Ideale per rigenerare la mente!

Leggi il nostro approfondimento
Poggio Catino - cosa vedere in sabina

Poggio Catino

Comune della Sabina

Poggio Catino, l’antica Podium de Catini, è uno dei meravigliosi e invitanti borghi della Sabina, che deve il suo nome (Catino, da Catinum) alla cavità carsica presente in zona.

Leggi il nostro approfondimento
Torre e Castello di Catino - cosa vedere in sabina

Torre e Castello di Catino

Torre

Una torre e un castello sorti da influssi longobardi. Salendo fino alla sommità della collina che ospita i due monumenti, nelle giornate limpide, all’orizzonte si può ammirare nettamente anche ad occhio nudo la Cupola di San Pietro.

Leggi il nostro approfondimento

Appunti di viaggio


Curiosità, personaggi famosi, esperienze e tutto quello che c'è da sapere per visitare al meglio la Sabina

Sommelier dell’olio: una nuova professione sempre più richiesta

  • Il Turista
  • 02.05.2020

Come si diventa sommelier dell’olio? Lo abbiamo chiesto a Ludovica!

Leggi Tutto

Il turismo ai tempi del Covid-19: idee per le vacanze estive in Sabina

  • Il Turista
  • 21.04.2020

Riflessioni ed idee sul turismo e sulle vacanze estive al tempo del covid-19

Leggi Tutto

Plumcake all’olio extra vergine d’oliva della Sabina

  • Il Turista
  • 05.04.2020

Sostituire il burro con l'olio extravergine d'oliva nei dolci si può. Scopri la ricetta!

Leggi Tutto

Covid-19: la spesa a casa tua in Sabina e a Roma

  • Il Turista
  • 30.03.2020

Scopri le aziende agricole locali che effettuano consegne a domicilio

Leggi Tutto

Eventi in Sabina


Una selezione di eventi che si svolgeranno in Sabina nei prossimi giorni

Rieti
26 settembre 2020

Un viaggio indietro nel tempo sul fiume Velino

A bordo dei packraft (piccoli gommoni gonfiabili, superleggeri e poco ingombranti) di 42gradinord…

Rieti
26 settembre 2020

Rieti sotterranea: la magia di una scoperta – visite guidate

Vieni a scoprire Rieti sotterranea: informazioni, orari e prezzo delle visite guidate Rieti…

Poggio Bustone (RI)
26 settembre 2020

L’antico sentiero di Cima d’Arme e lo Speco di San Francesco

Escursione dal grande fascino storico e religioso. Dal grazioso santuario francescano di San…

Pian De' Valli (RI)
26 settembre 2020

Nel bosco di notte, la magia del trekking con le lanterne

Escursione dal grande fascino paesaggistico e naturalistico che ci condurrà ad ammirare il…

La nostra newsletter


Il prossimo weekend niente shopping, niente compleanni dei bambini e il campionato riposa? Finalmente hai un fine settimana libero per programmare una gita fuori porta? Tante idee per escursioni immersi nella natura, luoghi da visitare ed eventi a cui partecipare le trovi sulla newsletter di Scopri la Sabina. Iscriviti subito!