Comune di Montasola


Arroccato sul Monte Asola e circondato da folti boschi di alloro, Montasola è uno dei borghi sabini meglio conservato. Le sue strette viuzze, percorribili solo a piedi, salgono in maniera concentrica fino alla Rocca, il punto più alto del paese.

Montasola borgo storico del lazio e della sabina

Montasola, la città dei Lauri

Benvenuti a Montasola, la Città dei Lauri.
Ci accoglie così il cartello stradale che ci segnala che siamo arrivati a Montasola e ci ricorda le origini del paese sabino, un tempo chiamato Curtis de Lauri.

Arroccato su un’isolata collina, il Monte Asola (ora Monte San Pietro), da cui deriva il suo nome, l’affascinante borgo di Montasola è circondato da folti boschi di alloro, particolarmente ricercati ai tempi dell’antica Roma, quando gli imperatori volevano proprio l’alloro di questi boschi per celebrare le loro vittorie.

Montasola, dall’alto della sua posizione, domina la stretta valle del torrente l’Aia che più a sud lambisce il fiume Tevere e offre incantevoli panorami sulla vallata e sul Monte Soratte. La posizione del paese, poco di passaggio e così sommitale, da un lato ne ha impedito la crescita economica ma dall’altro ne ha preservato la bellezza e la struttura originaria. Decisamente uno dei borghi sabini meglio conservati, che sta tornando – seppur lentamente – a ripopolarsi, grazie anche all’apertura di attività comunali (un bar, un market e una farmacia) che tengono attiva la vita del paese.

Abbiamo gironzolato per le strette viuzze di questo borgo storico del Lazio in una domenica sul finire di aprile e l’aria era ancora pungente. 604 metri di altitudine non sono poi così tanti, ma sono bastati per permetterci di fantasticare su fresche sere d’estate da trascorrere a Montasola, lontani dalla calura e dall’afa della città e dei borghi sabini che si trovano più a valle.

Questo piccolo paesino della Sabina, che conta poco meno di 400 abitanti, ha appena fuori dalle mura del centro storico, un delizioso parco – “Il Monte – ideale proprio per trascorrere tranquille serate estive, sorseggiando una bibita fresca all’altrettanto delizioso bar del parco “Il Canto del Gallo”. Girovagare per i sentieri del parco, immersi tra i cespugli di rosmarino che li adornano, è rigenerante!

Parco il Monte a Montasola borgo storico del lazio

Il centro storico del borgo di Montasola è completamente pedonale e questo permette di passeggiare tra i suoi vicoli – che salgono in maniera concentrica fino alla rocca – in completa rilassatezza, godendosi gli scorci che di tanto in tanto si aprono tra una casa e un’altra. Le strette viuzze a gradini, pavimentate a ciottoli e mattoni e sormontate qua e là da archetti, sono tutte in salita, ad eccezione di Via Piana.

La torre campanaria ancora oggi scandisce il tempo, ogni ora, facendo rimbombare – come fosse un’eco – il suono delle sue campane tra un vicolo e l’altro, tra un muro e un altro di ogni casa del paese.

Non sono molte le tracce rimaste delle strutture storiche: delle 16 torri che fortificavano l’abitato ne è rimasta soltanto una, peraltro fortemente rimaneggiata nel corso dei secoli. Di originale è rimasta poi una porta che permette l’accesso al paese, quella di Via della Porta.

Cenni storici su Montasola

Il territorio di Montasola mostra tracce di occupazione sin dall’età romana. Nell’età imperiale questa zona godeva di un notevole prestigio: gli imperatori volevano proprio l’alloro di questi siti per celebrare le loro vittorie.

Si narra, inoltre, che lo stesso Mecenate abbia invitato da queste parti il poeta Orazio.
Nell’Alto Medioevo il territorio fu profondamente riorganizzato dai monaci dell’Abbazia di Farfa, intorno alla “Curtis de Lori”, che altro non era che un centro agrario gestito da padroni con intorno una fitta rete di case coloniche. Questo sito viene localizzato vicino l’attuale dislocazione di Montasola, ovvero in quel luogo detto la “Cità” dove in un lontano passato probabilmente sorgevano diverse ville romane.

Prima del 936, la Curtis venne sottratta al possesso di Farfa e vi fu fondato il Castellum de Lori. In seguito il territorio fu assoggettato al potere della Chiesa che lo riorganizzò accentrando la popolazione del Castellum de Lori nel Castrum di Montasola. Fondato tramite una bolla papale, da Celestino III in data 11 agosto 1191, esso divenne uno dei castra specialia della Chiesa ovvero uno dei castelli strategici governati direttamente dai pontefici, grazie anche alla sua posizione dominante sulla valle che da Roma porta a Terni.

Il castrum apparve sotto il nome di Montasola solo nel 1253, quando Innocenzo IV ordinò ai possidenti e anche ai non residenti di pagare le imposte.

Nel 1853 divenne comune autonomo. Dopo l’annessione al Regno d’Italia, avvenuta nel 1860, il comune entrò a far parte della provincia di Perugia; dal 1923 appartenne alla provincia di Roma finché nel 1927 fu incluso nella neoistituita provincia di Rieti.

Nel 1928 Montasola subì una nuova soppressione, con l’aggregazione a Cottanello, ma il comune fu di nuovo ricostituito nel 1946.

cosa vedere a montasola borgo storico del lazio e della sabina

Francesco Cimini, benefattore di Montasola

Personaggio chiave per la storia di Montasola è stato senza dubbio il benefattore Francesco Cimini, a cui è dedicata anche una via del paese.

La storia narra di questo cittadino di Montasola, vissuto a cavallo tra il XVII e XVIII secolo, divenuto improvvisamente ricco a seguito della scoperta di alcune verghe d’oro nella bottega in cui lavorava come falegname nella città di Roma. Francesco Cimini, non solo fece costruire un ospedale per la cura dei malati del suo paese, ma al momento della sua morte, il 29 novembre 1712, con l’apertura del testamento si scoprì che aveva lasciato in eredità gran parte dei suoi possedimenti proprio al Comune di Montasola. Fanno parte, infatti, della cosiddetta Opera Pia Cimini l’Ospedale, la Chiesa dell’Oratorio e la Chiesetta del Monte.

Come arrivare a Montasola

Da Roma: Montasola si trova a circa 70 km dalla Capitale ed è raggiungibile imboccando l’uscita 10 del GRA per proseguire in direzione Firenze sull’Autostrada A1 fino all’uscita Ponzano Romano – Soratte. Seguire poi le indicazioni per Stimigliano Scalo e raggiungere da qui il bivi per Torri in Sabina – Montasola.

Da Firenze: sull’autostrada A1, in direzione Roma, uscire a Ponzano Romano – Soratte e poi proseguire fino a Stimigliano Scalo. Da qui seguire le indicazioni per Torri in Sabina – Montasola.

Comune di Montasola

Regione: Lazio
Provincia: Rieti
Comune: Montasola
Abitanti: Montasolani
Residenti: 387
Indirizzo Comune: Piazza San Pietro, 1
CAP: 02040
Latitudine: 42.38643
Longitudine: 12.681875

Contatti Comune di Montasola

Telefono: 0746/1795883
Email: Scrivi al Comune
Sito Web: Visita il sito del Comune

Santo Patrono di Montasola

Santo Patrono: SS. Pietro e Tommaso
Ricorrenza: 29 giugno
borghi storici del lazio in sabina Cerchi posti meravigliosi da visitare nel Lazio? Vieni a scoprire i migliori borghi storici del Lazio e della Sabina.

Dove si trova Montasola


Mappa e cartina dettagliata di Montasola

Cosa vedere a Montasola


Sei a Montasola? Abbiamo selezionato per te i principali luoghi d'interesse, le migliori cose da vedere, le attività e le attrazioni da non perdere!

Torre medievale - cosa vedere in sabina

Torre medievale

Storico

Situata all’accesso principale di Montasola, è l’unica ancora visibile delle sedici torri che fortificavano il borgo antico. Due sole a base semicircolare e le restanti a base quadrata. Nel tessuto urbano attuale non sono rimaste molte tracce delle sue torri salvo una porta e un torrione ellittico con una base a scarpa, cinta da una modanatura torica. Fa parte della cinta muraria che racchiudeva il paese a difesa secondo i canoni dell’incastellamento.

Via Piana - cosa vedere in sabina

Via Piana

Via

Così nominata perché è l’unica che non segue un tragitto in salita e su gradini. Qui si trova uno degli antichi palazzi nobiliari del Seicento, con struttura ad arco a tutto sesto e chiave di volta finale, risalente ai Pucci, famiglia storica di Montasola.

Piazza Umberto I - cosa vedere in sabina

Piazza Umberto I

Piazza

Anticamente denominata nelle carte Piazza della Chiesa per il probabile orientamento dell’entrata della Chiesa parrocchiale sullo slargo. La tradizione popolare ha ribattezzato questo luogo Piazza Simone. Ubicata a ridosso della Chiesa parrocchiale, è delimitata ai lati da un palazzo di proprietà dell’Opera Pia Cimini e da altre abitazioni private.

Una delle vie in salita del centro storico la taglia esattamente a metà: sulla destra la zona completamente pianeggiante e “quadrettata” di recente sistemazione; sul lato opposto, in graduale pendenza, uno spazio più piccolo su cui troneggia un maestoso albero sempreverde.

Piazza San Pietro - cosa vedere in sabina

Piazza San Pietro

Piazza

Piazza centrale del paese che prende il nome dall’adiacente Chiesa dei SS. Pietro e Tommaso. Qui ha sede il Palazzo Comunale (una volta un antico teatro), l’archivio storico e la biblioteca. Sulle arcate è affissa una lapide del 1588 che testimonia la presenza,  una volta, di una cappella dedicata alla vergine Maria.

Pesa del grano - cosa vedere in sabina

Pesa del grano

Storico

Ai piedi del palazzo comunale è conservata un’antica vasca in pietra locale, utilizzata per pesare il grano. I Monti Frumentari svolsero tra il XVII e il XIX secolo un significativo ruolo nel contesto economico contadino. A Montasola il Monte Frumentario fu fondato nel 1841 e aveva come attività prevalente il prestito di grano ai poveri. A questi veniva donata una parte della vasca in sementi con l’obbligo di restituire l’intera capacità della vasca alla fine del raccolto.

Chiesa Parrocchiale SS. Pietro e Tommaso - cosa vedere in sabina

Chiesa Parrocchiale SS. Pietro e Tommaso

Religioso

L’epigrafe sul portale celebra la fondazione di Montasola, risalente al 1191 per opera di Celestino III, ricordando anche la costruzione della Chiesa dedicata agli Apostoli Pietro e Tommaso e la dipendenza dall’Abbazia di Farfa. La data sull’architrave in marmo rosa di Cottanello riporta la data di restaurazione. Sulla destra un antico affresco in una nicchia testimonia l’antica abside della chiesa originaria risalente alla fine del Trecento.

Forno comunale - cosa vedere in sabina

Forno comunale

Storico

Qui una volta, e ancora oggi, le donne del paese venivano a cuocere liberamente pane e dolci per le loro famiglie portando solo legna da ardere.

Via dell’Ospedale - cosa vedere in sabina

Via dell’Ospedale

Via

Così chiamata per la presenza dell’Ospedale dell’Opera Pia Cimini. Lungo la via rimangono due portoni nobiliari, originari del Seicento.

Ex Ospedale dell’Opera Pia Cimini - cosa vedere in sabina

Ex Ospedale dell’Opera Pia Cimini

Storico

È tra i palazzi più importanti per la storia di Montasola. Fu fatto edificare dal benefattore Francesco Cimini per la cura dei malati del paese. Alla sua morte fu lasciato in eredità al Comune, come indicato nel testamento redatto il 18 luglio 1712. I lavori commissionati per volere di Francesco Cimini furono conclusi nel 1714.

Antica Farmacia - cosa vedere in sabina

Antica Farmacia

Comune della Sabina

Appartenuta alla famiglia Colletti, mantiene intatta la struttura originaria. All’interno si trovano ancora gli utensili del mestiere: tornio, mortai, una vasca e un camino per la miscela e la cottura delle misture.

Oratorio - cosa vedere in sabina

Oratorio

Religioso

Unica nel suo genere nel circondario, l’Oratorio fa parte del complesso denominato “Opera Pia Cimini”, lasciato in eredità dal benefattore Francesco Cimini alla sua morte, nel 1712.

Al suo interno è ricca di gruppi marmorei, come i putti risalenti alla scuola del Bernini, e alcuni dipinti come quello della SS. Concezione attribuito se non ad Antonio Ghelardi a un suo allievo. Questa tela era intercambiabile con un Crocifisso in legno, simbolo dell’Opera Pia, mediante un argano ancora funzionante. Di prego anche l’affresco che adora il soffitto.

Chiesa di San Michele Arcangelo - cosa vedere in sabina

Chiesa di San Michele Arcangelo

Religioso

È il più antico edificio sacro di Montasola, la vecchia Curia, risalente alle origini stesse del paese, forse contemporanea alla chiesa dei SS. Pietro e Tommaso. All’interno conserva una tipica struttura romanica a navata unica, con l’altare maggiore dedicato all’Arcangelo Michele. 

Nel pavimento, ancora quello originale, si vedono i chiusini di due tombe e nella piccola sagrestia la pietra di un ossario. Notevole è la pila antichissima dell’acqua santa in marmo con figure di animali e lo stemma pontificio scolpiti.

La rocca - cosa vedere in sabina

La rocca

Storico

È il punto più alto del paese e coincide con la parte originaria e più antica, un tempo fortino e punto strategico di protezione sulla valle che porta a Terni.

Parco Il Monte - cosa vedere in sabina

Parco Il Monte

Parco

Su una collina adiacente al borgo di Montasola, il Parco Il Monte è un bellissimo spazio verde, ben curato e sempre vivo. Al suo interno si trova un’area giochi per bambini, una sala coperta, un anfiteatro utilizzato in inverno per l’installazione di una pista di pattinaggio sul ghiaccio e un belvedere che regala impagabili viste sul Soratte e sulla campagna sottostante.

In più, sempre all’interno del parco, si trova la Chiesetta del Monte, donata anche questa dal benefattore Franceso Cimini al Comune di Montasola, e il bar social “Il Canto del Gallo”, una delle tre attività (insieme alla farmacia e al social market) che rientrano in un progetto fortemente voluto dall’Amministrazione e riservato ai borghi con meno di duemila abitanti per l’apertura di attività comunali.

Chiesa di Santa Maria delle Morelle - cosa vedere in sabina

Chiesa di Santa Maria delle Morelle

Religioso

La Chiesa di Santa Maria delle Morelle è la chiesa del cimitero di Montasola. Sorge sulla strada di collegamento con Torri ed è una delle numerose chiese romaniche che costellano la Sabina Tiberina, costruite principalmente intorno al XII secolo.

Cosa vedere nelle vicinanze di Montasola


Se ti resta del tempo libero, non devi assolutamente perdere la nostra selezione di attrazioni nelle vicinanze di Montasola!

Casperia - cosa vedere in sabina

Casperia

Comune della Sabina

Casperia, il borgo per eccellenza, ti sorprenderà ad ogni angolo, ad ogni vicolo, ad ogni piazzetta e ad ogni scorcio che ti regalerà. Un vero gioiello in Sabina, tanto da meritarsi il riconoscimento di Bandiera Arancione del Lazio.

Leggi il nostro approfondimento
Torri in Sabina - cosa vedere in sabina

Torri in Sabina

Comune della Sabina

Incantevoli scorci, esaltati da dolci colline e da bucolici paesaggi, dove dominano, incontrastati, i meravigliosi ulivi della Sabina: a Torri in Sabina troverai tutto questo!

Leggi il nostro approfondimento
Rocchette e Rocchettine - cosa vedere in sabina

Rocchette e Rocchettine

Castello
Rocchette e Rocchettine (fraz. di Torri in Sabina)

Rocchette e Rocchettine sono frazioni di Torri in Sabina e distano dal paese circa 6 km.

Le fortezze gemelle di Rocchette e Rocchettine, risalenti al XIII secolo, sorsero a guardia dell’importantissima strada che collegava Rieti alla Valle del Tevere e che giungeva fino a Roma.

Furono costruite una di fronte all’altra proprio allo scopo di presidi, ma ebbero fortune diverse. Rocchette è ancora oggi un centro abitato, seppur con pochi abitanti. Rocchettine e la sua fortezza risultano abbandonate. Addentrarsi in ciò che resta del castello è un’esperienza comunque affascinante.

Leggi il nostro approfondimento
Vacone - cosa vedere in sabina

Vacone

Comune della Sabina

Da Vacone si gode di un panorama che sembra quasi non avere confini e che abbraccia la pianura laziale, il Soratte, i Monti Cimini e, nelle giornate dal cielo terso, anche la città di Roma.

Leggi il nostro approfondimento
Cantalupo in Sabina - cosa vedere in sabina

Cantalupo in Sabina

Comune della Sabina

La sua atmosfera lontana anni luce dal caotico mondo metropolitano, rende Cantalupo in Sabina un luogo perfetto per riscoprire il piacere di un sano momento di riposo e di relax.

Leggi il nostro approfondimento

Appunti di viaggio


Curiosità, personaggi famosi, esperienze e tutto quello che c'è da sapere per visitare al meglio la Sabina

I Musici di Magliano Sabina

  • Il Turista
  • 08.07.2019

Un gruppo fiero di indossare i colori della propria città e di riempire il pubblico di emozioni

Leggi Tutto

Medioevo in festa a Roccantica

  • Il Turista
  • 07.07.2019

Ogni anno a Roccantica rivive la storia e la tradizione, grazie all'impegno di tutti i Roccolani

Leggi Tutto

Dove fotografare la Via Lattea vicino a Roma e nel Lazio? Sul Monte Terminillo!

  • Il Turista
  • 30.06.2019

L'appassionante ritratto del cielo stellato

Leggi Tutto

Aziende agricole: dove nasce il biologico

  • Il Turista
  • 28.06.2019

In Sabina dal produttore al consumatore nelle aziende agricole

Leggi Tutto

Eventi in Sabina


Una selezione di eventi che si svolgeranno in Sabina nei prossimi giorni

Montenero Sabino (RI)
20 luglio 2019

Sagra dei Maccheroni a Fezze

Adagiato su di un costone dei monti Sabini, Montenero Sabino è pronto ad…

Roccantica (RI)
20 luglio 2019

Amatriciana in Piazza

Una giornata per tornare a rivivere uno dei più caratteristici borghi storici della…

Monte San Giovanni in Sabina (RI)
21 luglio 2019

Festa degli Aquiloni

“Lo sai che si potrebbe stare per dei mesi appesi ad un aquilone,…

Casperia (RI)
01 - 04 agosto 2019

Sagra degli Stringozzi

Nella splendida location di Casperia (in provincia di Rieti), borgo insignito della bandiera…

La nostra newsletter


Il prossimo weekend niente shopping, niente compleanni dei bambini e il campionato riposa? Finalmente hai un fine settimana libero per programmare una gita fuori porta? Tante idee per escursioni immersi nella natura, luoghi da visitare ed eventi a cui partecipare le trovi sulla newsletter di Scopri la Sabina. Iscriviti subito!