Le fortezze di Rocchette e Rocchettine

Rocchette e Rocchettine


Fortezze gemelle con due destini diversi. Rocchette e Rocchettine furono edificate a partire dal XIII secolo per controllare la strada che congiungeva Rieti con la valle del Fiume Tevere. Oggi Rocchette è un centro abitato, Rocchettine – al contrario – è un borgo fantasma dal fascino magnetico.

racchette borgo del lazio

Fortezze gemelle, destini diversi

Rocchette e Rocchettine sono due borghi medievali del comune di Torri in Sabina, in provincia di Rieti. Le due cittadelle fortificate sono uno tra i più bei posti da visitare nel Lazio e sorgono una di fronte l’altra, in un luogo strategico dal quale era possibile controllare la strada che congiungeva la Valle del Tevere alla Piana di Rieti.

Circondate dai comuni di Montebuono e Torri in Sabina, e a poca distanza dal confine con l’Umbria, le due fortezze gemelle ebbero un destino diverso: mentre Rocchette ancora oggi è un luogo vitale e abitato, Rocchettine è diventato un borgo fantasma e da tempo è oramai abbandonato. Ma questo non significa che non sia un posto suggestivo e piacevole da esplorare, tutt’altro! Nella mattinata che abbiamo trascorso a passeggio tra i due luoghi, a modo suo Rocchettine ci ha colpiti più di Rocchette, con le sue fortificazioni imponenti a tratti “sopraffatte” dalla natura che piano piano se ne sta appropriando.

La storia di Rocchette e Rocchettine

Le fortezze in origine erano note con due nomi differenti: Rocchettine era denominata Rocca Guidonesca, mentre Rocchette era conosciuta con il nome di Rocca Bertalda. Edificate per controllare la strada che congiungeva Rieti con la valle del Fiume Tevere, una volta esaurita la loro funzione cominciarono a perdere importanza e pian piano, a cominciare dal XVII secolo, si avviarono verso il degrado, in particolare Rocchettine.

Ma partiamo dall’inizio: la storia di Rocchette e Rocchettine affonda le radici nel XIII secolo, in pieno Medioevo. Anche se non si conoscono i fondatori di questi due borghi gemelli, i dati certi che abbiamo sono appunto il periodo della loro costruzione e le famiglie che le avevano in possesso prima di appartenere al comune di Torri in Sabina.

Dai documenti storici si apprende che le due torri inizialmente erano di proprietà della Diocesi Sabina per poi passare sotto il diretto controllo della Chiesa. Attorno al ‘400 finirono in mano ai Savelli che per lungo tempo ne furono i proprietari. Successivamente le due fortezze passarono nelle mani degli Orsini fino alla scomparsa del casato. Poi, nel novembre del 1817, in seguito ad un intervento di riorganizzazione dell’area Sabina, il Cardinal Consalvi assegnò con un decreto il territorio dove ricadono Rocchette e Rocchettine al comune di Torri in Sabina.

I due castelli situati nei borghi sono costituiti da una torre quadrata, risalente alla costruzione originaria della fortezza, che si presenta incorporata nella cinta muraria costruita successivamente. Sono evidenti invece le modifiche apportate dai Savelli, che si possono riscontrare nella porta d’ingresso al castello, nei torrioni cilindrici ad ampia scarpa e anche nella cinta muraria, che fu rafforzata con beccatelli, feritoie e mensole.

Rocchettine, oggi borgo fantasma

rocchettine borgo del Lazio Abbandonato dopo che si esaurì la funzione per cui era stato edificato, il borgo di Rocchettine è tuttora una fortezza suggestiva e imponente, che domina la valle sottostante dalla cima del colle su cui sorge. A parte la base quadrata, della costruzione originaria del castello è rimasto ben poco e, come già detto, i rimaneggiamenti risalgono al periodo dei Savelli, ma in tutto il complesso sono evidenti i materiali tipici dell’area Sabina e di tutto l’Appennino Centrale, come la pietra calcarea.

Nonostante però sia passato tanto tempo e il borgo sia disabitato, l’effetto suggestivo della grande torre circolare e dei muraglioni che si stagliano maestosi tra il cielo e i boschi non è diminuito e rende incredibilmente affascinante la fortezza. All’interno del maestoso complesso sorge l’unico edificio ancora in buone condizioni, perché ristrutturato nel 1700: è la chiesa di San Lorenzo, oggi meta di pellegrinaggio degli abitanti di Rocchette nel giorno della festa di San Lorenzo, il 10 agosto, che rappresenta anche l’unica occasione per visitare la chiesa al suo interno.

Visitare il borgo disabitato di Rocchettine significa respirare l’antico fascino del Medioevo che in questa cittadella sembra essere rimasto immutato nel tempo.

Il borgo di Rocchette, ancora centro abitato

Il borgo di Rocchette, contrariamente a Rocchettine, da centro fortificato si è trasformato nel tempo in centro rurale, mantenendo il tessuto originario. Ancora oggi presenta per esempio la storica porta d’ingresso, che era la via d’accesso principale dell’abitato, e i muraglioni che cadono a strapiombo sulla valle sottostante. Il paese ha quindi continuato ad essere abitato, evolvendo in centro più “moderno”, pur conservando intatto il fascino del periodo medievale, che sembra essere diventato parte integrante di questo luogo.

Come arrivare a Rocchette e Rocchettine

I borghi di Rocchette e Rocchettine sono raggiungibili facilmente, da nord, passando prima dal centro di Magliano e poi proseguendo verso Calvi dell’Umbria, e infine scendendo in direzione di Montebuono. Venendo da Roma, quindi da sud, percorre l’autostrada A1, prendere l’uscita Ponzano Romano – Soratte e da lì proseguire verso Rocchette, passando per Torri in Sabina.

Comune di Torri in Sabina

Regione: Lazio
Provincia: Rieti
Comune: Torri in Sabina
Abitanti: Torresi
Residenti: 1.258
Indirizzo Comune: Piazza Roma, 6
CAP: 02049
Latitudine: 42.3531422
Longitudine: 12.638431399999945

Contatti Comune di Torri in Sabina

Telefono: 076562004
Sito Web: Visita il sito del Comune

Santo Patrono di Torri in Sabina

Santo Patrono: San Giovanni Battista
Ricorrenza: 24 giugno
borghi storici del lazio in sabina Cerchi posti meravigliosi da visitare nel Lazio? Vieni a scoprire i migliori borghi storici del Lazio e della Sabina.

Come raggiungere Rocchette e Rocchettine


Mappa e cartina dettagliata di Rocchette e Rocchettine

Cosa vedere nelle vicinanze


Se ti resta del tempo libero, non devi assolutamente perdere la nostra selezione di attrazioni nelle vicinanze!

Torri in Sabina - cosa vedere in sabina

Torri in Sabina

Comune della Sabina

Incantevoli scorci, esaltati da dolci colline e da bucolici paesaggi, dove dominano, incontrastati, i meravigliosi ulivi della Sabina: a Torri in Sabina troverai tutto questo!

Leggi il nostro approfondimento
Vescovio - cosa vedere in sabina

Vescovio

Religioso
Vocabolo Vescovio - Torri In Sabina (Rieti)

Vescovio è una frazione di Torri in Sabina e dista dal paese circa 5 km.

Vescovio ha il pregio di custodire le rovine di quello che fu un tempo Forum Novum, un antico municipio di chiara origine romana. Sui suoi resti, venne eretta quella che è oggi nota a tutti come la Chiesa di Santa Maria, la vecchia Cattedrale dei Sabini.

Leggi il nostro approfondimento

Appunti di viaggio


Curiosità, personaggi famosi, esperienze e tutto quello che c'è da sapere per visitare al meglio la Sabina

La Guida Ambientale Escursionistica per un trekking sicuro

  • Il Turista
  • 10.09.2019

Immergersi e perdersi nella natura ma con una Guida Ambientale Escursionistica

Leggi Tutto

Trekking sul Terminillo

  • Il Turista
  • 06.09.2019

Uno speciale sul Monte Terminillo per gli appassionati di trekking nel Lazio

Leggi Tutto

L’attrezzatura necessaria per un trekking nel Lazio e in Sabina

  • Il Turista
  • 31.07.2019

Non esiste un buono o cattivo tempo, ma solo un buono o cattivo equipaggiamento

Leggi Tutto

Trekking in Sabina e nel Lazio, a pochi passi da Roma

  • Il Turista
  • 29.07.2019

Camminerai tra boschi di faggi e cerri, seguendo corsi d’acqua che tornano a rivivere solo in inverno...

Leggi Tutto

Eventi a Torri in Sabina


Una selezione di eventi che si svolgeranno nei prossimi giorni a Torri in Sabina

Torri in Sabina (RI)
01 - 30 settembre 2019

Mostra permanente di arti e mestieri e civiltà contadina

La Mostra di arti e mestieri e civiltà contadina è l’esposizione permanente allestita…

Torri in Sabina
29 settembre 2019

Game Truffle: Corso di formazione per cani da tartufo

Una giornata di formazione con lo scopo di avvicinare voi ed i vostri…

Torri in Sabina (RI)
01 - 31 ottobre 2019

Mostra permanente di arti e mestieri e civiltà contadina

La Mostra di arti e mestieri e civiltà contadina è l’esposizione permanente allestita…

Torri in Sabina (RI)
01 - 30 novembre 2019

Mostra permanente di arti e mestieri e civiltà contadina

La Mostra di arti e mestieri e civiltà contadina è l’esposizione permanente allestita…

Torri in Sabina (RI)
01 - 31 dicembre 2019

Mostra permanente di arti e mestieri e civiltà contadina

La Mostra di arti e mestieri e civiltà contadina è l’esposizione permanente allestita…

Torri in Sabina (RI)
01 - 31 gennaio 2020

Mostra permanente di arti e mestieri e civiltà contadina

La Mostra di arti e mestieri e civiltà contadina è l’esposizione permanente allestita…

Torri in Sabina (RI)
01 - 29 febbraio 2020

Mostra permanente di arti e mestieri e civiltà contadina

La Mostra di arti e mestieri e civiltà contadina è l’esposizione permanente allestita…

Torri in Sabina (RI)
01 - 31 marzo 2020

Mostra permanente di arti e mestieri e civiltà contadina

La Mostra di arti e mestieri e civiltà contadina è l’esposizione permanente allestita…

La nostra newsletter


Il prossimo weekend niente shopping, niente compleanni dei bambini e il campionato riposa? Finalmente hai un fine settimana libero per programmare una gita fuori porta? Tante idee per escursioni immersi nella natura, luoghi da visitare ed eventi a cui partecipare le trovi sulla newsletter di Scopri la Sabina. Iscriviti subito!